La coltivazione in fuori suolo è una pratica utilizzata in ambiente protetto allo scopo finale di:

  • Aumentare le produzioni
  • Sfruttare al massimo la superficie e ridurre i tempi di lavoro
  • Risparmiare acqua, fertilizzanti e macchinari mantenendo l’obiettivo finale di produzione
  • Risparmiare e rendere efficiente la manodopera
  • Lavorare e ottenere risultati in modo preciso
  • Utilizzare in modo efficiente tutte le risorse disponibili.
fuori1.png
Il fuori suolo rappresenta una soluzione alternativa laddove il suolo non è adatto alla coltivazione (es. problemi di salinità, problemi di drenaggio e di diffusione di malattie e patogeni). Infatti tale tecnica prevede la coltivazione al di fuori del suolo utilizzando un substrato di ancoraggio/crescita alternativo che può essere di tipo minerale o organico. Il substrato minerale è inerte, non degrada ed è chimicamente inattivo. L'effetto tampone e la capacità di scambio cationico sono molto basse e non essendoci materiale organico non si sviluppa attività microbica. All'interno di questo substrato i cambiamenti delle condizioni chimiche sono repentini ed è necessario un continuo controllo e gestione della fertilizzazione e del''irrigazione. In questo gruppo rientrano la perlite, la lana di roccia e argilla espansa. Esistono anche altri substrati come pomice, vermiculite e tufo che sono considerati minerali ma non inerti quindi con una capacità di assorbire e rilasciare nutrienti e con una moderato effetto tampone. D'alta parte i substrati organici sono coinvolti direttamente nei processi di nutrizione, hanno alta ritenzione idrica e quindi un elevato effetto tampone. All'interno di questo substrato i cambiamenti delle condizioni chimiche sono poco repentini e quindi non richiedono un continuo controllo e gestione della fertilizzazione e dell'irrigazione. In questo gruppo troviamo fibra di cocco, lolla di riso, compost e altre misture di materiale organico.
In un sistema fuori suolo il rifornimento idrico e minerale può avvenire in maniere parziale o completa tramite soluzione nutritiva a seconda del substrato che viene utilizzato.

I vantaggi di coltivare in fuori suolo sono rappresentati in primo luogo dall'aspetto produttivo sia in termini di quantità che di qualità. Ci sono però altri vantaggi di tipo gestionale e ambientale quali la possibilità di recuperare acqua con riduzione dei costi, la possibilità di coltivare in modo continuo e in tutti gli ambienti nonché il fatto che non c'è alcun bisogno di effettuare trattamenti fitosanitari, di sterilizzazione o fumigazione.

Tuttavia quando si adotta tale tecnica è importante ricordare che a differenza della coltivazione su suolo si ha basso volume radicale, ovvero bassa capacità di stoccaggio dei nutrienti, mancanza o limitato effetto tampone del suolo con cambiamenti repentini del valore del pH. Inoltre è necessario il controllo degli elementi presenti in traccia, della salinità e della qualità dell’acqua. Infine un sistema di questo tipo comporta sempre un alto investimento iniziale.

In generale quindi si può affermare che la coltivazione in fuori suolo necessità: conoscenza, esperienza, controllo e monitoraggio, scelte oculate sul tipo di substrato in base alle proprietà fisiche e chimiche e scelta sul tipo di contenitore da adottare (panetto o vaso) a seconda della coltura.

NaanDanJain per quanto riguarda l'irrigazione della colture fuori suolo offre due soluzioni all'avanguardia che soddisfano a pieno i requisiti di massima efficienza.

Chiedi all'esperto

Valore non valido

Valore non valido

Valore non valido

Valore non valido

Valore non valido

Naandanjain

Naandanjain Italia s.r.l. 
Partita Iva 11291660154

Via Honduras 10, 00071, Pomezia (Roma)

Lun - Ven 8:30 - 17:30

Email : info@naandanjain.it

Tel: +39 069122625

Fax: +39 069112627

©2023 Naandanjain. All Rights Reserved. Designed By Lionet

Search